La Defibrillazione sul bagnato e su superfici metalliche è sicura e senza rischi con i defibrillatori DAE Philips Heartstart

Francia: i patentati addestrati al primo soccorso
14 aprile 2015
Crolla a terra in stazione a Mestre: viene salvato con il defibrillatore
14 aprile 2015
Leggi tutti

Con uno studio molto interessante Philips dimostra la sicurezza per l’operatore e il paziente rispettando le normali procedure. Ad oggi non siamo a conoscenza di altri studi di questo genere condotti da aziende del settore.

Secondo le linee guida di AHA (American Heart Association Guidelines 2000) defibrillare su superfici metalliche non presenta fattori di rischio per soccorritore e vittima: “pose no shock hazard to either victim or rescuer“. Ma è altrettanto sicuro defibrillare su una superficie bagnata?
Per rispondere a questa domanda, lo studio Philips ha simulato la scarica di 150J su un paziente su superficie bagnata utilizzando acqua con cloro da piscina, che è maggiormente conduttiva rispetto alla normale acqua. La misurazione a varie distanze dal paziente simulato del voltaggio disperso, dimostra che a 60 cm di distanza è inferiore ad 1 volt ed il picco massimo di 14 volt è stato misurato ad una distanza di 15 cm: una tensione che non rappresenta alcun rischio.

Clicca qui per approfondire e accedere alla nota tecnica completa

http://www.iredeem.it/blog/?p=593

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *