Duemila bambini a lezione di emergenza con il “Defibrillation Day”

Defibrillation Day in piazza San Carlo
4 giugno 2015
Sessantamilavitedasalvare in trasferta a Torino
4 giugno 2015
Leggi tutti

In piazza San Carlo il jazz ha lasciato il posto alle lezioni di primo soccorso

elisa barberis
Arriva la chiamata al 118: «Il mio amico è svenuto improvvisamente, non respira più». «Inizia con il massaggio cardiaco, ti guidiamo noi mentre arriva l’ambulanza». Una compressione, due compressioni, tre. Se il cuore si ferma, più si agisce con tempestività, più possibilità ci sono di salvare una vita. Per questo, insieme a oltre duemila bambini delle scuole primarie e secondarie del Torinese, Piemonte Cuore e Progetto Vita hanno organizzato, oggi, in piazza San Carlo il «Defibrillation Day», la più grande sessione di addestramento per insegnare anche ai più piccoli come comportarsi in queste situazioni.
Dopo il festival jazz
Sul palco che fino a ieri ha ospitato il Jazz Festival, gli artisti della Nazionale Cantanti, il professor Josep Brugada dell’Hospital Clinic di Barcellona e scopritore della sindrome cardiaca di Brugada, e ancora il rapper Moreno, Paolo Vallesi, Sonohra, Perturbazione, Simona Fornasari e Miriam Masala. «Anche per chi non ha mai seguito lezioni di primo soccorso è semplicissimo utilizzare il defibrillatore – ha raccontato la maestra Maria Celeste Caterina della scuola elementare Frenet di Rivoli -: i bambini sono entusiasti e sicuramente organizzeremo con loro altre attività su questo tema per sensibilizzarli fin da piccoli sull’importanza di conoscere queste semplici nozioni che però sono fondamentali in situazioni disperate».
Il racconto di Stefania
Come quella in cui due anni fa si è trovata Stefania, oggi 25 anni: «Non ho mai sofferto di nessuna malattia cardiaca, ma un giorno all’improvviso ho avuto un mancamento: il mio cuore si è fermato per dieci minuti e solo l’intervento del mio fidanzato, Saverio, ha evitato il peggio. Un arresto cardiaco può capitare a chiunque, in qualsiasi momento e a qualunque età, anche a chi è sano».

 

http://www.lastampa.it/2015/06/03/cronaca/duemila-bambini-a-lezione-di-emergenza-con-il-defibrillation-day-Nq4flZgDHdeZu7ij1nenIO/pagina.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *