A BRA CARDIOPROTETTI DUE PLESSI SCOLASTICI

DUE NUOVI DAE ALLA CROCETTA: INAUGURAZIONE IL 3 DICEMBRE
1 dicembre 2016
INAUGURATI A BRA DUE PUNTI BLU SALVA VITA
7 dicembre 2016
Leggi tutti

IN MEMORIA DEL MEDICO RIANIMATORE SERGIO SETTE

 

Mercoledì 7 Dicembre alle ore 10 a Bra presso il Liceo Giolitti di Via Fratelli Carando 43 si svolgerà la cerimonia di consegna dei primi due defibrillatori semiautomatici esterni per il Liceo e per la Scuola Secondaria di Primo Grado Piumati Craveri Dalla Chiesa di Via Barbacana 41 nell’ambito del Progetto Vita Bra Sergio Sette.

Il “Progetto Vita Bra Sergio Sette” è realizzato dall’Associazione Piemonte Cuore Onlus che a Bra ha voluto portare la cultura e l’importanza della defibrillazione precoce costituendo un gruppo di lavoro fra la moglie Alessandra Camerota e gli amici del Medico Rianimatore molto conosciuto dai cittadini braidesi per i tanti impegni sociali e prematuramente scomparso un anno fa.

Grazie alle prime donazioni ricevute in memoria del Dott. Sette è stato acceso un fondo presso la Banca d’Asti di Bra che renderà possibile cardioproteggere i due plessi scolastici e la farmacia San Rocco di Via Principi Piemonte dotandoli di Punti Blu Salva Vita. L’iniziativa comprende anche la formazione e il Progetto Vita Ragazzi per insegnare agli studenti come possibile salvare una vita con la rianimazione cardiopolmonare e l’uso del defibrillatore. A tutti gli studenti del Liceo delle classi IV sarà donato il corso completo con rilascio di attestazione regionale di rianimazione cardiopolmonare, ma anche nella scuola media sarà insegnato agli alunni delle seconde la chiamata al 118, la rianimazione cardiopolmonare e l’uso del defibrillatore “amico del cuore”. Nelle prossime settimane sarà anche posizionato il defibrillatore a disposizione H24 fronte la farmacia San Rocco grazie alla disponibilità dei titolari e dei collaboratori.

Piemonte Cuore Onlus nasce in Piemonte a Torino nel febbraio del 2014 e, ad oggi, ha posizionato oltre 300 defibrillatori di cui oltre 140 presso Istituti Scolastici, formato oltre 4200 first responder e insegnato i gesti salva vita e l’uso del defibrillatore ad oltre 20000 studenti e cittadini piemontesi. Ha portato nella regione la cultura del “Progetto Vita” nato a Piacenza oltre 18 anni fa che ad oggi ha salvato oltre 100 persone.

L’arresto cardiaco colpisce ogni anno oltre 60.000 persone in Italia. L’intervento precoce nei primi minuti con la chiamata al 118 e il massaggio cardiaco sono fondamentali ma è altresì fondamentale la presenza del defibrillatore come unico strumento che ogni cittadino – anche non formato – può utilizzare. Il DAE infatti guida al suo uso l’operatore tramite messaggi vocali riconoscendo la fibrillazione ventricolare e con una semplice scarica può far ripartire il cuore prima dell’arrivo dei soccorsi e quindi aumentare le basse percentuali di sopravvivenza.

Per sostenere Piemonte Cuore Onlus Progetto Vita Bra “Sergio Sette” è possibile effettuare donazioni al conto presso la Banca D’Asti di Bra.
Per ricordare Sergio che era impegnato quotidianamente a salvare vite” ha sottolineato Alessandra Camerota moglie e motore insieme agli amici e colleghi del marito “abbiamo pensato di dotare alcuni luoghi di Bra di defibrillatori come lui avrebbe voluto insegnando alle generazioni più giovani i gesti salva vita e con me ci saranno anche i nostri figli a testimoniarlo. Alcune associazioni come l’Avis hanno già dato la loro disponibilità a collaborare ma sarà molto importante ricevere anche donazioni per proseguire i nostri progetti”.

“Dotare le scuole di defibrillatori e formare gli studenti sono al centro della nostra mission affinché ogni punto salva vita diventi un libro aperto quotidianamente verso l’importanza di salvare una vita usando uno strumento semplice e sicuro che deve diventare come in Europa familiare” ha chiarito il Presidente di Piemonte Cuore Onlus Marcello Segre “la farmacia invece anche nelle normative è il luogo ideale in quanto conosciuto e per il suo particolare legame all’importanza della salute. A Bra ricordando il Dottor Sergio Sette portiamo un messaggio che dovrebbe essere patrimonio di ogni cittadino”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *