4 Defibrillatori donati alla Polizia Stradale grazie a Specchio dei Tempi

Progetto Vita Ragazzi – Consegnato il primo defibrillatore dell’anno scolastico 2015/2016
15 settembre 2015
La Polizia Stradale “armata” di defibrillatori
19 settembre 2015
Leggi tutti

L’iniziativa di prevenzione nasce dalla collaborazione tra la Fondazione La Stampa-Specchio dei Tempi e Piemonte Cuore Onlus.

Torino, 18 Settembre Da oggi gli agenti del Compartimento Polizia Stradale Piemonte e Valle D’Aosta hanno in dotazione sulle pattuglie quattro apparecchi in grado di tutelare i cittadini e il proprio personale impegnato nelle attività di prevenzione e soccorso. L’iniziativa nasce dalla collaborazione tra la Fondazione La Stampa-Specchio dei Tempi e Piemonte Cuore Onlus con il Progetto Vita. La Fondazione finanzia la preparazione e l’addestramento degli agenti della Polstrada alla rianimazione cardiopolmonare con un corso formativo per l’uso dei defibrillatori, la manutenzione ordinaria e straordinaria delle apparecchiature, oltre ai controlli e la sostituzione delle parti in scadenza, per otto anni: un pacchetto completo a costo zero per l’amministrazione. Ad oggi sono stati formati 24 agenti in servizio presso la sede di Torino e le sezioni di Biella, Novara e Alessandria. “Donare defibrillatori, spiegarne l’utilizzo e le manovre salvavita. Con questo obiettivo è nata, nel mese di dicembre del 2013, la collaborazione tra la Fondazione La Stampa-Specchio dei Tempi e Piemonte Cuore Onlus. I defibrillatori a bordo delle pattuglie della Polizia Stradale sono una ulteriore iniziativa a salvaguardia della salute dei cittadini piemontesi“ ha sottolineato Lodovico Passerin D’Entreves Presidente della Fondazione Specchio dei Tempi “la possibilità di un rapido intervento in caso di necessità, e la professionalità degli agenti renderanno ancora più sicure le strade piemontesi”

«Il messaggio è che in pochi minuti si possono fare miracoli, se si è informati in modo adeguato – spiega Marcello Segre, presidente dell’associazione no profit di cui fanno parte medici, infermieri, psicologi, insegnanti e volontari del mondo sanitario e sportivo -. Bisogna sensibilizzare sempre di più le persone all’uso di un defibrillatore, un apparecchiatura sicura e facile da usare perché fornisce indicazioni vocali al soccorritore occasionale, permettendo la scarica solo se è effettivamente necessaria. Bastano due gesti: chiamare il 118 e avviare una semplice macchina che, con solo due pulsanti, può permettere la sopravvivenza. Grazie all’esempio della Polstrada si potrà anche divulgare fra i cittadini una nuova cultura dell’aiuto in caso di una emergenza cardiaca”.   Ad oggi la Fondazione Specchio dei Tempi ha finanziato 185 defibrillatori installati nelle scuole, in impianti sportivi, forze dell’ordine, la metropolitana e postazioni pubbliche di Torino e del Piemonte.

“La cooperazione ed il coinvolgimento delle Forze dell’Ordine su questa tematica è iniziata già da tempo. Sono lieto che anche le pattuglie della Polizia Stradale del Piemonte siano equipaggiate con i defibrillatori, in modo da poter contribuire alla sicurezza degli utenti della strada anche con interventi salva vita”, ha dichiarato il dott. Mario Nigro, Dirigente del Compartimento Polizia Stradale del Piemonte e Valle d’Aosta.

IMG_20150918_102056 IMG_20150918_102044 IMG_4858 IMG_4851 IMG_4848 IMG_4845 IMG_4844 IMG_4765 IMG_4764 IMG_4760 IMG_4753 IMG_4749 IMG_4748 20150727_120138

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *